La Sampdoria si tiene stretto il pareggio che andava stretto

Finisce con i fischi del pubblico del Ferraris e un punto che allontana la Sampdoria dalla zona Uefa l’anticipo contro il Cagliari. Prima della gara la protesta pacifica degli Ultras a cui sono stati sequestrati due striscioni che dovevano essere affissi nella parte alta della Sud e che riportavano due scritte con riferimento agli articoli 19 e 21 della Costituzione: «Libertà di fede religiosa» e «Libertà di opinione ed espressione». I tifosi doriani li hanno esposti comunque, ma fuori dallo stadio, protestando in maniera pacifica fino all'inizio della gara. Dentro, lo scenario è spettrale per i primi 45', con il pubblico della gradinata seduto e tutto lo stadio in un silenzio irreale. Striscioni arrotolati e le urla di Novellino, solitamente soffocate dai cori della Sud, che risuonano in tutto lo stadio. Nel secondo tempo cambia l'atmosfera con le bandiere blucerchiate che tornano a sventolare e i tamburi della Sud a sostenere la squadra.
CASTELLAZZI 7: salva ripetutamente la porta doriana da insidiosi tiri dalla distanza di Capone. Ottimo anche in uscita su Suazo nel primo tempo, senza colpe sul gol. Rispetto all'incerto portiere visto nelle prime giornate di campionato sembra un altro giocatore. Determinante.
ZENONI 6: prova alla Zenoni. Bravissimo in fase difensiva prova poco o niente nell'inserimento, sente la stanchezza ma il mister non lo risparmia. (dal 78' BAZZANI sv)
ACCARDI 6: grande carattere ma qualche sbavatura di troppo rispetto al solito. Ha di fronte un giocatore molto interessante e di grande talento, Capone, che dimostra grande fantasia.
FALCONE 6: più che una gabbia per Suazo, Novellino gli ha appiccicato addosso il più esperto della sua retroguardia. Sembra incollato all'honduregno con il bostik, gli lascia spazio solo nell'occasione dell'1-1 sbagliando il tempo dell'intervento. Un solo errore ma determinante.
PIERI 5,5: le urla «Mirko» e «Pieri» che escono dalla bocca di Novellino sono quelle che riecheggiano di più nel silenzio di Marassi. Segno che la prova del terzino non è piaciuta al tecnico. Incerto in difesa, quando si spinge in avanti fatica a piazzare palloni in area e difficilmente salta l'uomo.
MAGGIO 6: più in ombra rispetto al solito, non incide particolarmente nelle ripartente nonostante il tentativo di cambio di fascia a gara in corso.
PALOMBO 7,5: i galloni da capitano lo esaltano. Ispira gioco, controlla la manovra e segna un gol d'altri tempi. Il suo colpo al volo da 20 metri ringalluzzisce lo spento pubblico del Ferraris.
DELVECCHIO 5: fuori condizione e forse anche fuori posizione, sembra non indovinarne molte. Meglio in fase di copertura ma insufficiente.
FRANCESCHINI 5,5: nella prima parte appare confuso un po' come la manovra blucerchiata. Si riprende alla distanza. (dal 65' ZIEGLER 6: da più vivacità alla gara ma è troppo tardi).
QUAGLIARELLA 6,5: ispirato e combattivo. Fabietto sguscia via quando gli è possibile. Lo scarso gioco macinato dalla squadra lo frena, ma appena trova lo spazio cerca la conclusione: sempre nello specchio. Un gol annullato per fuorigioco.
BONAZZOLI 5: quasi invisibile, prova qualche sponda ma lascia a Quagliarella il compito di fare reparto da solo
NOVELLINO 6: la Samp parte male come al solito subendo nei primi 20 minuti la manovra del Cagliari. Quando riesce a riorganizzare la squadra la partita dei doriani cambia completamente, ma per sbloccarla ci vuole una perla di Palombo.