Sampdoria, uno stadio con gli occhi a mandorla

Per la gara contro il Milan Flachi dovrebbe recuperare Contrattura per Franceschini

C'è anche un fondo giapponese tra gli investitori che stanno progettando la realizzazione del nuovo impianto sportivo ideato dal presidente della Sampdoria Riccardo Garrone. A rivelarlo lo stesso patron blucerchiato: «Presto ci sarà un incontro tra i finanziatori e aspettiamo una risposta anche dal Giappone. Tra gli investitori infatti c'è un fondo nipponico». Se si chiamerà Erg Stadium è ancora da decidere, ma l'idea sembra non dispiacere alla famiglia Garrone. In questa settimana comunque è atteso il passo decisivo per la costruzione dell'impianto che potrebbe sorgere a Sestri Ponente, anche se ovviamente prima sarà necessario attendere il via libera delle istituzioni genovesi.
Il progetto comunque è giunto nella fase clou e nel frattempo la squadra cerca di raccogliere punti per non perdere il carrozzone della Coppa Uefa: la vittoria di misura ottenuta contro il Parma è soprattutto un segnale di continuità che Walter Novellino attendeva da tempo. Nelle ultime gare i blucerchiati si erano ritrovati, almeno dalle trasferte di Palermo e Messina, sotto il profilo del gioco, ma nell'ultima sfida del Tardini è arrivata anche una vittoria fondamentale (la seconda in trasferta di quest'anno) per rimanere agganciati ai primi posti della classifica. Poi c'è anche un calendario che non agevola il cammino della Samp: due trasferte consecutive non aiutano i blucerchiati attesi nel posticipo serale di domenica contro il Milan; i rossoneri sembrano essersi ritrovati dopo l'arrivo di Ronaldo, ma di positivo per la Samp c'è che la squadra di Ancelotti in settimana sarà impegnata a Glasgow in Coppa.
Insomma, si spera in un pizzico di stanchezza in più nei padroni di casa, mentre Novellino tenterà di recuperare Francesco Flachi. Domenica infatti nel secondo tempo è andato in scena il siparietto tra i tecnico e l'attaccante: Flachi, dopo essersi accomodato in panchina per i postumi della contrattura, sembrava destinato ad entrare ma alla fine un dolore alla pianta del piede non ha consentito la sostituzione con Maggio. Così alla ripresa degli allenamenti fissata per questo pomeriggio a Bogliasco il tecnico dovrà valutare anche le condizioni del fantasista toscano che, comunque, sembra poter smaltire l'infortunio in tempo per il match contro il Milan. A preoccupare, invece, sono soprattutto le condizioni di Daniele Franceschini: la sua partita al Tardini è durata appena 27 minuti, quando l'esterno è stato costretto ad uscire per una contrattura al retto femorale sinistro. L'altra faccia della medaglia dice però che Novellino ha trovato Reto Ziegler, con buona corsa ma soprattutto grande senso tattico. Il giocatore arrivato in prestito dall'Inghilterra sembra il candidato più probabile a partire dall'inizio anche nella sfida di domenica contro i rossoneri. E dopo la buona prova di Bastrini l'impressione è che in difesa Novellino ora abbia solo l'imbarazzo della scelta: non è escluso che alla fine il tecnico decida di partire con Flachi e Quagliarella davanti e con Maggio ancora a centrocampo, almeno per offrire un po' di copertura in più alla squadra. Tra i pali sarà anche confermato Castellazzi, autore della parata che a pochi secondi dalla fine del match si è rivelata decisiva per portare a casa i tre punti. Berti così potrebbe tornare in panchina.