Samuel roccia Adriano pasticcia Figo fa acqua

7 JULIO CESAR. All’inizio lo aiuta la fortuna. Poi ci pensa lui: va ad incrociare la palla che vale tutta la partita.
6 ZANETTI. Se ancora c’era bisogno, dimostra di giocare molto meglio a metà campo che in difesa. Primo tempo da terzino e da agonia, ripresa da caballero del centrocampo.
5,5 CORDOBA. Tra salvataggi ed incertezze il conto resta in rosso per quanto riguarda i momenti difficili.
7 SAMUEL. Impenetrabile. Gestisce la difesa con tranquillità e sicurezza. Decisivo in alcuni interventi.
5 BURDISSO. Il primo tempo è un calvario: sbaglia interventi, appoggi, tempi difensivi. Torna in sè nella ripresa.
5,5 FIGO. Sta meglio a destra che a sinistra, ma ansima, fatica, si impegna e ricava poco e nulla. Va al tiro e sono spari ad acqua. Impeccabile nella voglia di rendersi utile.
6 DACOURT dal 29’ st. Entra e ti fa sentire il suo peso fisico.
5,5 VIEIRA. Non si spreca più di tanto. Quando arriva in area fa paura ed ottiene risultati. In mezzo al campo limita il gioco all’indispensabile. Svogliato in fase difensiva.
6 STANKOVIC. Corre e pizzica. Non ha la freschezza di altre volte e nemmeno la capacità di cambiar ritmo al gioco.
6 SOLARI. Prima a destra, poi a sinistra. Impalpabile su una fascia, più concreto sull’altra.
6,5 MAICON dal 9’ st. Si vede subito che ha una bella faccia e non la perde: nè in attacco nè in difesa. Colpi di tacco a parte.
5 CRUZ. Non trova il modo di essere decisivo. Tanto spirito operaio, un po’ troppo. Poi sfortunato per l’infortunio.
5,5 ADRIANO dal 6’ st. Corri uomo corri. Ha un pizzico di esplosività in più rispetto ad un mese fa. Ma nel pasticciare è un re. Palla e piedi formano un groviglio unico. Mancano riflessi.
6,5 CRESPO. Esplosivo alla prima occasione. Non replica, ma non manca mai quando l’azione ha sapor di gol.
All. MANCINI 6. Brutto giocare, sbaglia la scelta sulle fasce laterali.