Il San Giuseppe un altro centro di cardiochirugia

Il San Giuseppe cambia nome. Sembra deciso a far concorrenza al cardiologico Monzino: d’ora in poi l’ospedale di via San Vittore diventerà un centro specializzato in cardiochirurgia. Una specializzazione che viene dichiarata già nel nome: Milanocuore - San Giuseppe. Ma l’ultima novità riguarda il settore urologico. Il professor Edoardo Austoni ha presentato quello che è stato ribattezzato il minilifting intimo. Una tecnica non invasiva che restituisce il piacere sessuale a quelle donne ultrasessantenni che sarebbero altrimenti costrette a rinunciarvi a causa di un prolasso di muscoli e tessuti che provoca fastidi e dolori. Un problema che non riguarderebbe poche persone, basti pensare che a Milano potrebbe interessare 50mila donne. Sinora destinate a farsi operare con una tecnica mininvasiva che riesce solo nel 20% dei casi. Come funziona, invece, la nuova metodica messa a punto al San Giuseppe? «Viene impiantata una bandella - spiega il professor Austoni - che rialza i muscoli e i tessuti nella loro posizione originale. L’intervento, che si esegue in 8 minuti, richiede da uno a tre giorni di degenza e due mesi di convalescenza. Un periodo in cui vanno evitati sforzi e rapporti sessuali».