A San Lorenzo è allarme insicurezza

Allarme degrado a San Lorenzo. Un gruppo di residenti dell’area di piazza dei Siculi si è presentata all’ultima riunione del consiglio del III municipio per denunciare agli amministratori locali per l’ennesima volta il loro malessere, provocato in particolare dalla carenza di manutenzione del verde pubblico, dalla scarsa pulizia dei marciapiedi, dalle buche e dagli avvallamenti, dalla la mancanza di vigilanza e controllo per quanto riguarda sia i servizi sia la sicurezza in genere.
Il parlamentino locale, ascoltati i rappresentanti dei residenti, ha deliberato, approvandolo, un ordine del giorno unitario, sottoscritto come primi firmatari da Leone (Udc) e Cucuzzoli (Ulivo), con cui si impegna il consiglio a prendere provvedimenti di cura e manutenzione del verde pubblico. Quanto agli altri problemi sollevati tutto tace, come denunciato da alcuni cittadini a Gianni Del Prete e Luca Malcotti, esponenti di An al III Municipio e al Comune. «La situazione sicurezza in piazza dei Siculi - dicono due signore - è diventata allarmante: ormai il giardino è diventato posto fisso dei senzatetto e noi abbiamo paura. L’altra sera si sono addirittura accoltellati tra loro. Figuriamoci se noi ci sentiamo tranquille ad attraversarlo o a portarci a giocare i nostri nipotini! E poi c’è anche il problema della sporcizia: bottiglie, coperte, escrementi. Una cosa davvero disgustosa». Armando, coordinatore della protesta, rincara la dose: «Buche, sporcizia, incuria, insicurezza sono questioni che abbiamo più volte fatto notare a chi di dovere, senza ottenere un granché».
Malcotti e Del Prete hanno detto che è stato recentemente istituito il Nae (Nucleo assistenza emarginati), un raggruppamento della polizia municipale guidato da Claudio Di Ferdinando. «Il Nae si occuperà di tutte le problematiche della zona San Lorenzo, Verano e Tiburtina che riguardano il sociale - dichiarano i due esponenti di An - intervenendo direttamente, coordinandosi con gli uffici competenti e sollecitandone l’azione in caso di necessità. Una struttura importante che può agire concretamente per risolvere le situazioni critiche in diversi campi: a proposito dei senza fissa dimora, è già in atto un progetto di assistenza diurna presso la struttura dell’Esercito della salvezza in Via degli Equi, che diventerà un centro di assistenza e riferimento». «Tra l’altro - precisa Malcotti - se i cittadini fanno una segnalazione ora l’ufficio che la riceve non può più lavarsene le mani con la scusa che non è di sua competenza: per legge si deve infatti inoltrare la richiesta all’ufficio addetto, dandone segnalazione entro tre giorni ai cittadini che hanno presentato l’esposto». «In municipio la Cdl ha presentato alcune proposte sulla base delle vostre richieste - ha detto Del Prete ai cittadini - in particolare per quanto riguarda l’istituzione di un posto fisso di polizia municipale e la soppressione della fontanella vicino al giardino, diventata un servizio igienico improprio per viandanti e barboni. Anche se la maggioranza le ha bocciate, speriamo di riuscire in futuro, collaborando con il Nae e con voi, a migliorare la qualità della vita di questa zona».