San Marino Nuove norme sul segreto bancario

Adeguare la normativa internazionale non significa rinunciare al segreto bancario, anche se occorre valutare ciò che esso comporta per la considerazione internazionale di San Marino. È quanto emerso durante un forum su «Sistema finanziario della Repubblica di San Marino e rapporti internazionali», in primo luogo con l’Italia. Tra i vari relatori, Valerio De Molli, managing partner di European House-Ambrosetti, ha sottolineato la necessità di «individuare un modello di sviluppo del sistema finanziario basato su elementi di distintività», impegnato in «una seria azione di repressione dell’illegalità», che non contrasta con la «difesa del segreto fiscale e del regime di fiscalità agevolata». Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri della Repubblica del Titano, Antonella Mularoni, ha sottolineato che «se vogliamo lavorare con le banche italiane dobbiamo rispettare la legge antiriciclaggio italiana».