San Martino L’assessore regionale invita l’ospedale a violare la legge sui concorsi

L’Ospedale San Martino di Genova esclude i cittadini extracomunitari da un concorso per operatori socio-sanitari. Lo fa applicando la legge italiana in vigore, ma subito si grida allo scandalo, ovviamente «al razzismo». C’è anche chi confonde infermieri con operatori socio-sanitari e invoca l’intervento della politica e dei giudici per imporre la violazione della legge. E l’assessore regionale alla Salute, Claudio Montaldo, raccoglie subito l’appello parlando di «decisione sbagliata» e con una lettera chiede ai dirigenti del più grande ospedale d’Europa di rivederla. «Purtroppo è vero - commenta l’assessore a margine del consiglio regionale -. Ho chiesto ufficialmente ai dirigenti dell’ospedale di rivedere questa decisione che considero sbagliata». «Purtroppo» il San Martino rispetta la legge. Per fortuna un assessore invita a violarla.