AL SAN MATTEO

Il Policlinico San Matteo di Pavia entra nella rosa degli unici sei centri pubblici in Italia in grado di sperimentare sull’uomo anche nella fase iniziale di sviluppo dei farmaci.
Da oggi la Fondazione ha una struttura dedicata. «Ciò significa che sarà abbreviata la fase sperimentale dei farmaci che saranno poi messi a disposizione dei cittadini e che si svolge su pazienti che volontariamente si sottopongono al trattamento di medicine innovative - spiega il direttore scientifico del San Matteo Remigio Moratti - dove si fa ricerca, si cura meglio».
A controllare l’operato della struttura e la qualità dei progetti è il comitato di Bioetica della Fondazione presieduto dal professor Stefano Govoni.