San Paolo Ma con un decreto il prefetto Lombardi blocca l’invasione

Il prefetto Gian Valerio Lombardi è intervenuto nella causa per discriminazione dei lavoratori extracomunitari promossa da Cgil e Cisl contro l’ospedale San Paolo. La vicenda riguarda l’esclusione di 31 immigrati dalle procedure di stabilizzazione del personale precario previste attraverso concorsi interni. A pochi giorni dall’udienza per affrontare nel merito la questione, il prefetto ha emesso un decreto che solleva il difetto di giurisdizione del Tribunale del Lavoro che aveva dichiarato discriminatorio il comportamento del San Paolo. Per Lombardi i 27 lavoratori «sono stati assunti a tempo indeterminato con la riserva espressa che la procedura di stabilizzazione sarebbe stata annullata qualora fosse rimossa l’ordinanza cautelare emessa dal giudice del lavoro il 27 maggio 2008».