San Pietro è la casa di tutti i rifugiati

La Chiesa «si sente vicina» a quanti vivono la «dolorosa condizione» dell'essere rifugiato. È quanto ha affermato Benedetto XVI parlando prima della preghiera mariana dell'Angelus in una piazza San Pietro affollata di persone. Il Papa ha ricordato che domani si celebra la giornata mondiale del rifugiato, promossa dalle Nazioni Unite «per tenere viva l'attenzione sui «problemi di coloro che debbono abbandonare forzatamente la patria«. Ratzinger ha chiesto alla comunità cristiana di fare gesti «concreti di solidarietà, perché chiunque si trova lontano dal proprio Paese senta la Chiesa come una patria dove nessuno è straniero».

Annunci

Altri articoli