San Siro: 28 tornelli entro domani. Corsa contro il tempo per fa entrare gli abbonati

Milano - Milan e Inter al lavoro per consentire l'ingresso dei soli abbonati fin dalla prossima domenica allo stadio San Siro, in occasione della partita Milan-Livorno. È quanto è emerso dall'incontro di questa mattina in prefettura a Milano, cui hanno preso parte il presidente del club nerazzurro Massimo Moratti, l'ad dei rossoneri Adriano Galliani, l'assessore allo Sport, Giovanni Terzi per il Comune di Milano, insieme a prefetto, questore, comandante dei Vigili del Fuoco e Carabinieri. A confermarlo una nota, apparsa sul sito del Milan, dalla quale si apprende che «in questo momento San Siro è a porte chiuse. Nessun biglietto sarà valido per Milan-Livorno. Si lavorerà tutta la notte per provare a consentire l'accesso allo stadio solo agli abbonati».

Durante il vertice di questa mattina in prefettura, i due club milanesi si sono impegnati, entro le prossime quarantotto ore, ad adeguare lo stadio di San Siro alle norme di sicurezza del decreto Amato, definite inderogabili dallo stesso Viminale. Si tratterà, per ragioni di tempo, di soluzioni provvisorie come la disposizione di transenne nei punti ritenuti più sensibili dalle forze dell'ordine. Lo stadio Meazza, infatti, per ragioni logistiche - la presenza dell'ippodromo da una parte e della rete tramviaria dall'altra - e grazie ad una parziale realizzazione dei lavori di messa in sicurezza dell'impianto risulta tra gli stadi meno a rischio, come ha sottolineato questa mattina anche il sindaco di Milano Letizia Moratti, ricordando che la «Uefa in vista del campionato europeo del 2012 ha giudicato lo stadio di Milano il migliore in Italia».