San Siro impazzisce per Robbie Williams

Oltre 75mila al Meazza per ammirare lui, il reuccio della canzone inglese: al secolo Robbie Williams. Ieri sera grande festa di musica, fuochi e colori allo stadio. E l’amato Robbie, durante il concerto, ci ha messo pure la «ciliegina sulla torta», un bel «Siamo i campioni del mondo»; delirio, cori, striscioni per una valanga di successi in uno show davvero spettacolare.
Si è presentato vestito da playboy anni ’60: giacca blu e sciarpa verde. Palco davvero insolito, dotato di due braccia gialle tipo gru che si innalzavano al cielo, e una passerella lunga fino in mezzo al campo. Un impianto mastodontico per un vero e proprio «incontro ravvicinato» tra star e pubblico.
Fan in delirio fin dal pomeriggio, a far la fila ai cancelli dello stadio. «Abbiamo comprato i biglietti a novembre», Stefania, 25 anni. «È lontano, ci vorrebbe un volo di ottanta metri per raggiungerlo», scherza un’altra. «So tutti i passi e le canzoni sue e dei Take That...».