A San Valentino tirna il fascino della cena intima a casa

Le coppie italiane prediligono il calore domestici per festeggiare il loro amore

Le coppie italiane prediligono il calore di una cena in casa per festeggiare il loro amore con cui concedersi dei momenti per loro senza lo stress del traffico e la confusione dei locali pubblici. La Wellness Cucina diventa la ricetta migliore per poter riaccendere la passione e rinsaldare la coppia
Quest'anno Cupido scocca le sue frecce in salotto. Il patrono degli innamorati non si festeggia piu' in discoteca o nei locali alla moda del centro: il 2010 vede un ritorno al calore del focolare domestico nel giorno dedicato a 'lui' e 'lei'. Secondo 7 esperti su 10, infatti, la casa diventa la location migliore per poter celebrare con la giusta intimita' San Valentino. Il 71% di sessuologi, nutrizionisti e psicologi sostiene che l'alcova di San Valentino di quest'anno sara' la casa, attraverso cui poter ritrovare l'intimita' perduta dallo stress quotidiano (68%), ricreare un ambiente ad hoc per stimolare la passione di coppia (56%), ritagliarsi un momento intimo per riscoprire la complicita', anche nel preparare la tavola (59%), e ravvivare la ripetitivita' di una solita cena con una formula originale e seducente senza uscire di casa (47%). Ecco quindi che l'incontro a lume di candela tra le mura domestiche, soprattutto per le coppie che gia' vivono insieme, supera tutte le altre alternative per la serata, come il ristorante (53%), la pizzeria (32%), o il pub (15%) in quanto garantisce piu' intimita' (81%), tranquillita' (73%), spazio al gioco della seduzione di coppia (61%). Dagli esperti arriva quindi la salvezza contro il logorio della quotidianita', l'antidoto per superare la crisi e far trionfare l'amore di coppia.
E' quanto emerge da uno studio del Mauri Lab, osservatorio/laboratorio internazionale creato dall'omonima azienda italiana leader dei formaggi di qualita', condotto su oltre 100 esperti tra sessuologi, nutrizionisti, psicologi, che hanno indagato sui cambiamenti dei festeggiamenti in occasione del giorno di San Valentino. Lo studio sara' pubblicato sul sito www.wellnesscucina.com).
Lui e lei a San Valentino celebrano la seduzione, ma tra i fornelli di casa. Addio a serate in ristoranti chic e locali affollati, adesso la passione la si riscopre cenando a lume di candela in salotto
Da sempre il 14 febbraio e' considerato il giorno dell'anno dedicato per antonomasia agli innamorati. Ma oggi e' ancora cosi'? Per l'87% degli esperti non ci sono dubbi: San Valentino rimane uno degli eventi piu' sentiti tra le coppie italiane, atteso da molti come una sorta di giornata speciale da dedicare alle coccole. E se ad attenderlo con piu' partecipazione sono soprattutto le donne (65%), negli ultimi tempi anche il sesso forte, sembra abbia riscoperto il piacere di dedicarsi alla propria partner, preparando qualcosa di particolare ed unico con le proprie mani, senza affidarsi a professionisti esterni (35%). Il perche' di questo 'cambio' di atteggiamento e' dato dalla necessita' di risparmiare, spinti anche dalla crisi che ha ridotto le spese (41%), il desiderio di festeggiare in maniera originale e non legata allo standard della cucina fuori casa a tutti i costi (35%) e, complice anche la cadenza del fine settimana, la possibilita' di ritagliarsi un'intera serata da soli senza la preoccupazione di arrivare tardi per impegni lavorativi (51%). Ma quali sono gli ingredienti di una cena ad alta seduzione tra le mura domestiche? Secondo il 65% degli esperti interpellati, in primis non puo' mancare la fantasia e l'inventiva tra i fornelli (59%), ma soprattutto la capacita' di lasciare a bocca aperta il proprio partner facendogli trovare una cena perfetta ( 48%), e di riuscire a ricreare un'atmosfera di seduzione coinvolgendo la propria dolce meta' (37%). Il tutto accompagnato da un'abbondante dose di romanticismo e passione (54%). Ecco quindi che un mazzo di rose rosse e un invito al ristorante sono ormai 'out' perche' considerati scontati, banali e ripetitivi: molto meglio una cena preparata in casa, servita con i piatti e le posate che magari ricordano un evento particolare della vita di coppia, con in sottofondo la canzone che li ha fatti incontrare, e brindando con un bicchiere di vino al chiaro di luna. Il mettersi a tavola rappresenta un'occasione unica nel suo genere con cui unire la sorpresa di una novita' che rompe la routine della quotidianita' (68%), che stimola un gioco ad alto tasso seduttivo (59%) e che riesce a coinvolgere i sensi (47%), a partire dall'olfatto al gusto.
L'intesa si riscopre preparando una romantica cena con le proprie mani e il bello comincia fin dai momenti della preparazione dei piatti. Ci si guadagna in relax e liberta' di amoreggiare senza disturbare i vicini di tavolo
A decretare il ritorno alla voglia di festeggiare in casa non e' la pigrizia di uscire (18%) o l'insofferenza verso tutte quelle questioni logistiche, come il traffico cittadino o la difficolta' di trovare parcheggio (12%) in un punto vicino al ristorante, ma una vera e propria voglia di tornare a condividere uno spazio tutto per loro in cui stare da soli e in intimita' (88%). Ad attirare maggiormente la coppia e' la concezione di organizzare una serata speciale che sia unica e particolare sin dal momento dei preparativi: secondo gli esperti la prima forma di seduzione parte dalla scelta del menu' (71%), seguito da quella per le stoviglie e servizi con cui apparecchiare la tavola (52%) magari addobbandola con fiori o candele (48%), oppure con una tovaglia acquistata per l'occasione (33%). Il 71% degli esperti ritiene che la casa e' tornata al centro del gioco della seduzione: l'alcova perfetta per poter sviluppare una maggiore complicita' di coppia e tornare a vivere un momento solo per se' e' la propria abitazione. Per sessuologi, psicologi e nutrizionisti la casa riesce a dare intimita' (71%), possibilita' di esprimere se stessi senza nessuno che puo' disturbare (58%) e liberta' di fare cio' che si vuole (61%) senza timore di disturbare i vicini di tavolo, caratteristiche difficilmente riscontrabili in luoghi piu' affollati come i ristoranti o locali pubblici. L'abitazione scelta per trascorrere le ferie assicura anche maggiore tranquillita' (per il 68%) e armonia (47%) tra i due partner. Secondo gli esperti il ristorante e' troppo dispersivo, distraendo la coppia (41%), senza considerare il rumore di sottofondo che impedisce di parlare con tranquillita' e in intimita' (68%), e la possibilita' di trovarsi nel piatto cibi cucinati male o troppo costosi rispetto alla qualita' effettiva (35%). Meglio un menu' fatto in casa, piuttosto che quello stellato di un ristorante preparato in maniera fredda da uno chef sconosciuto.