Sanguinetti e Di Mauro in campo

Claudio Rossini

Ancora novità al Genoa Open Challenger Fondazione Carige. Federico Luzzi che, proprio sui campi del Tc Genova, è stato il primo tennista italiano a laurearsi campione europeo under 14, ha rinunciato al torneo genovese per guai fisici. Come prevede il regolamento Atp è stato ripescato, tra i quattro perdenti l'ultimo turno di qualificazione, lo spagnolo Hector Ruiz Cadenas battuto dal nostro Alberto Brizzi. Per uno scherzo del sorteggio lo spagnolo ha incontrato nuovamente, nel primo turno del tabellone, Brizzi già vincente per 0/6, 6/2, 7/6(3). Ieri, aprendo gli incontri che contano, Brizzi si è riconfermato con il punteggio 2/6, 7/6(3), 6/0 e affronterà il il polacco Adam Chadaj che, in due frazioni dai punteggi piuttosto netti (6/3, 6/2), si è sbarazzato dello spagnolo Pablo Andujar.
Allo stadio Beppe Croce, l'olimpico genovese capace di duemila posti, esordio di Francesco Aldi, uno dei quindici italiani in gara, contro la wc olandese Thierno De Bakker un giovane promettente che è partito a razzo conquistando il primo set a zero; ma Aldi gli ha preso le misure e nei due set successivi l'olandese ha raccolto un solo game. Prossimo impegno per Aldi contro il vincitore tra Starace e Giorgini ultimo match in programma nella prima giornata. Quando al primo turno esce di scena una delle teste di serie, siamo soliti parlare di sorpresa, ma spesso le argomentazioni possono essee diverse. È capitato anche ieri con l'uscita del francese Cyril Saulnier (n° 134 Atp), testa di serie n° 5 eliminato dal croato Marin Cilic in tre frazioni combattute. Punteggio: 7/6(4), 1/6, 6/3. Una sorpresa, questa volta in positivo, la prestazione vincente della wc Andrea Arnaboldi che ha regolato in due set il monegasco Benjamin Balleret. Tra i due la bella differenza di oltre 400 posizioni Atp, ma in campo non è sembrato. Il punteggio: 7/5, 6/0 per il giovane Arnaboldi atteso all'impegnativo incontro con il croato Cilic.
Per oggi sono attesi gli esordi dei favoriti Davide Sanguinetti e Alessio Di Mauro impegnati rispettivamente contro l'uzbeko Farrukh Dustov e Paolo Lorenzi. E speriamo non ci siano sorprese.