Sanità in Lombadia, Maroni: "Sono stupito, ma anche incazzato"

Il governatore lombardo: "Non copriremo nessuno"

"Sono molto incazzato per quello che è successo". Si sfoga così Roberto Maroni nel giorno dell'arresto del suo braccio destro Fabio Rizzi, autore della riforma lombarda della Sanità.

Il governatore lombardo si dice fiducioso nella "presunzione di innocenza" e "nella magistratura", ma anche stupito dalla vicenda. "Fermo restando che stiamo leggendo gli atti e verificando nel dettaglio le imputazioni il mio primo sentimento è di stupore e di grande delusione se le accuse fossero confermate nei confronti di Fabio Rizzi", ha detto Maroni che promette nessuna tolleranza verso chi ha sbagliato e annunciando un "comitato ispettivo" sulla: "Non vogliamo coprire nessuno, non abbiamo nessuno da difendere, chiunque abbia sbagliato mi risponderà. La Regione è parte offesa".

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 17/02/2016 - 10:39

Sei stupito povera stella? Però non è che stiamo parlando di un oscuro funzionario di provincia ma del tuo braccio destro che tu hai scelto e messo lì! E che a quanto pare non stai neanche provando a difendere, non è che niente, niente che un pò di puzza di bruciato l'avevi già sentita e ti eri girato dall'altra parte sperando che il vento la disperdesse?

conviene

Mer, 17/02/2016 - 10:46

CERTO CHE UN GOVERNATORE CHE SI DICE STUPITO E NON SI ACCORGE DI QUELLO CHE FA IL SUO BRACCIO DESTRO E' PATETICO PER NON DIRE ALTRO