Sanremo fa lo spot al ministero della Salute

La kermesse canora di Sanremo ha sancito il trionfo del centrosinistra. Sono state premiate da una giuria quasi tutta di sinistra, e che c'entrava con la cultura della musica leggera come i cavoli a merenda, le lugubri canzoni «sociali», tanto che ha vinto quella di un tizio che non si è nemmeno accorto che c'è stata la legge Basaglia e che, purtroppo per noi, i matti sono liberi e ogni tanto massacrano gli infelici congiunti che li devono ospitare. Baudo ha fatto lo spot del Ministero della Salute, invitando a visitarne il sito dove, ha annunciato, c'è una grande novità, e cioè che mangiando di meno, privilegiando frutta e verdura e facendo del moto, si sta meglio. Chissà quanto ci hanno mangiato sopra... Valeva la pena di farci un ministero! Anche lui non sa che sono cose che da decenni appaiono su tutti i giornali. Il trionfo dell'intronamento. Lascio a voi pensare cosa sarebbe successo se questo spot su una Tv pubblica e che non c'entrava niente con la manifestazione, lo avesse fatto il governo Berlusconi... Appelli al Cda Rai, cortei, grida alla dittatura televisiva, ecc. Ci hanno rovinato anche le canzoni, poetico moto dell'animo... Charles Trenet sarebbe stato bocciato. Evviva il «sozial», come lo chiamava Céline!