Sanremo raddoppia con l’online

Novità storica. Il Casinò di Sanremo – con un progetto coraggioso, ma studiato nei minimi particolari – prende in contropiede i concorrenti, raddoppia la sua attività e debutta nel mercato del gioco a distanza. Da qualche giorno è in rete il sito “online.casinosanremo.it”, con il quale gli utenti possono accedere a tutti i giochi regolamentati da Aams: dalle scommesse sportive al Gratta e Vinci. Presto saranno accessibili anche il Bingo, gli skill-games, che hanno nel poker il punto di forza, e i giochi al totalizzatore come Totocalcio, Totogol, Big Race, Big Match e Tris. Microgame è il partner tecnologico a cui compete la fornitura della connettività e la tutela informatica degli utenti.
Donato Di Ponziano, presidente della Casinò SpA, spiega i motivi di questo passo in avanti: «La scelta rappresenta una grande opportunità per la nostra società che vuole vincere la sfida grazie alla forza del marchio. Siamo i primi in Italia ad affrontare il mercato dell’online, e questo ci procura un minimo di soddisfazione, ma in futuro saremo raggiunti dai nostri competitor che al momento stanno alla finestra. Il mondo dell’intrattenimento sta cambiando rapidamente, non potevamo rimanere passivi di fronte a tante novità».
Ma come è nata l’idea di coniugare il brand del Casino con il gioco a distanza?
«Da due fattori. Innanzi tutto l’espansione del gioco a distanza che nel 2007 ha superato il miliardo ed è atteso a stime ancora più importanti. In secondo luogo la popolarità del nostro marchio. L’indagine Eurisko sulla potenzialità dei casinò italiani ha confermato che Casinò Sanremo ha la più alta notorietà fra le case da gioco, seconda solo a quella di Montecarlo. Abbiamo quindi pensato che i due aspetti si potessero combinare. Dietro il nostro sito c’è una struttura che esiste da decenni, è ben individuabile e offre garanzie assolute. Pensiamo che un marchio forte, legato al gioco sicuro, non sia una leva da poco per chi vuole giocare a distanza con la sicurezza di essere tutelato. Noi abbiamo una storia alle spalle, chi può dire altrettanto?».
Quali saranno i punti di forza del sito?
«Ci aspettiamo una importante risposta dai giochi d’abilità, i cosiddetti skill-games, in particolare poker, black-jack e casinò virtuale. Pensiamo inoltre di ritagliarci una fetta consistente del mercato del Gratta e Vinci, mentre non crediamo di essere competitivi con le scommesse sportive, almeno nei primi tempi».
Ci saranno interazioni fra il casinò tradizionale e quello virtuale?
«Sul piano promozionale sì, nel senso che l’appeal del sito aumenterà ulteriormente la nostra notorietà. Ma si tratta di pubblici diversi. Lo scommettitore online è prevalentemente di sesso maschile (93%), di età compresa tra i 18 e i 35 anni (60%) e fra i 46 e 55 (23%). Al casinò la presenza femminile è nettamente superiore e l’età media dei giocatori più elevata».