Sansedoni apre al gruppo Lamaro

Mps

Un aumento di capitale riservato a Banca Mps (per circa 23 milioni), da liberarsi mediante scissione parziale di una società (valorizzazioni immobiliari) interamente controllata dalla banca stessa. È la novità dell'operazione che apre il capitale della Sansedoni, società immobiliare controllata dalla Fondazione Mps e partecipata da Banca Mps, al gruppo Lamaro. L'accordo siglato ieri prevede l'ingresso della Lamaro attraverso la fusione per incorporazione in Sansedoni di tre società del gruppo con un valore, in termini di patrimonio netto, pari a oltre 90 milioni e corrispondente all'entità dell'aumento di capitale riservato alla controparte a fronte di una valorizzazione di Sansedoni, in termini di patrimonio netto, pari a circa 185 milioni. L'aumento di capitale riservato a Banca Mps consentirà a quest'ultima di non diluire la sua quota attualmente pari al 15%.