Sant’Ilario, entro il 2007 via i tralicci dell’Enel

Via i tralicci della corrente elettrica dalla collina di Sant’Ilario. L'antica speranza degli abitanti adesso è una certezza: «Entro la fine dell'anno - annuncia con soddisfazione il presidente del municipio Levante, Francesco Antonio Carleo - i conduttori aerei che deturpano la bellezza di tutto il paesaggio verranno demoliti da Enel».
Del caso si era occupato anche il Giornale, che mesi fa aveva raccolto la denuncia di alcuni residenti scesi in campo a favore del loro «paradiso naturale», messo in pericolo dall'ingombrante presenza di tralicci e conduttori aerei. Il presidente del municipio ha ottenuto da Enel la garanzia che la linea elettrica compresa tra l'istituto dell'agricoltura e via Marsano e via alla scuola dell'agricoltura entro il 2007 sarà eliminata.
Questo a seguito di un sopralluogo compiuto dallo stesso Carleo insieme ai responsabili dell'azienda di energia elettrica, al termine del quale si è arrivati alla tanto sospirata fumata bianca. «Da diversi anni - conferma il presidente di circoscrizione - gli abitanti di Sant’Ilario lamentavano la presenza dei tralicci e dei conduttori della linea ad alta tensione, che oltre ad impattare in maniera davvero pesante sul paesaggio, in caso di tempo perturbato provocavano disturbi alle apparecchiature elettriche».
La demolizione dei manufatti sarà totalmente a carico di Enel. Così recitano gli accordi intercorsi tra azienda e municipio Levante negli ultimi giorni. Luigi de Concilio, responsabile comunicazione Enel, conferma «l'intenzione di eliminare quelle linee anche perché nel frattempo abbiamo provveduto a mettere in esercizio altre linee che dovrebbero funzionare in caso di disservizio». Fino ad oggi, infatti, l'impianto di Sant'Ilario veniva utilizzato nei casi di emergenza come linea sostitutiva che faceva parte della rete di sicurezza dell'area di Nervi. Ma c'è un'altra novità. «Enel ci ha assicurato che, appena verranno definiti i permessi, sarà costruita anche una nuova cabina elettrica all'interno dell'area della scuola Marsano», aggiunge l'ex maresciallo dei carabinieri. Ciò permetterà la demolizione del traliccio posizionato in prossimità della direzione dell'istituto. La costruzione della cabina rientra, quindi, in quel potenziamento del servizio annunciato da Enel nel dare il via libera alla demolizione dei tralicci. Per il presidente del municipio, la nuova cabina nell'area della scuola Marsano dovrebbe migliorare «il grado di sicurezza dell'alimentazione elettrica della zona, risolvendo anche alcuni problemi di alimentazione con tensioni inferiori al normale e permettendo aumenti di potenza delle utenze». Come prendere due piccioni con una fava.