Sant’Olcese in festa per la sagra di fave e salame

Torna oggi a Sant’Olcese la Sagra delle fave e del salame: la festa, giunta quest’anno alla sedicesima edizione, vuole soprattutto mettere in vetrina o, per chi già li conosce, ricordare - sottolineano gli organizzatori - la qualità dei prodotti creati dai salumifici locali, Parodi e Cabella.
A loro si deve, per la loro lunga tradizione e per la costante tenacia nel resistere al «mercato globale», la vasta e apprezzata gamma di insaccati. Ne ha dato ampia documentazione, fra l’altro, anche la televisione italiana, in un programma «Linea verde» trasmesso da Rai 1, tutto dedicato al salame di Sant’Olcese.
In occasione delle riprese televisive, i conduttori del programma si sono soffermati a lungo, in particolare, sulla descrizione dei metodi di preparazione e lavorazione del salume attraverso la precisa e documentata presentazione di Aldo Federico Parodi, dando così anche lustro e richiamo alle tradizioni del borgo arroccato sulla collina di Sant’Olcese-Chiesa.
La Sagra, che coincide con la festa della Liberazione, ha come sempre per assoluti protagonisti, oltre il salame, anche il pecorino sardo e le fave, in un’atmosfera resa ancora più festosa dall’intrattenimento musicale.
L'appuntamento, organizzato dal locale circolo Acli con le associazioni del territorio e al collaborazione dell’amministrazione comunale, inizierà a mezzogiorno e proseguirà con canti, musica dal vivo e balli fino alle 19, attorno ai tavoli che raduneranno le famiglie e le compagnie di amici per la bisboccia e i brindisi di rito.
Tutto all’insegna dei prodotti tipici in quella che è riconosciuta come «la capitale delle tradizioni e del salame nostrano».