A Santa Margherita il chitarrista che ha vinto 17 concorsi su 17

Goran Krivokapic, 28 anni, montenegrino, chitarrista. Segni particolari: ha vinto tutti i diciassette concorsi ai quali ha partecipato fino ad oggi. Un’occasione per ascoltarlo è stasera alle 21 a Villa Durazzo, Salone 1° Piano - S. Margherita Ligure dove si tiene un concerto straordinario per l' 8° rassegna « Fiori Musicali del Tigullio», organizzata dal Circolo «Amici di S. Margherita Ligure e del Tigullio».
Ancora una volta, quindi, Villa Durazzo, inserisce, tra le sue normali presenze, un evento di grande rilievo musicale e ludico.
Il giovane chitarrista, infatti, «detta legge» nei più importanti Concorsi Internazionali per chitarra, con un "«arnet» di vittorie forse insuperabile: sempre vincitore in tutti quelli (ben diciassette), cui partecipa.
Krivakopic inizia gli studi musicali a otto anni con Mico Poznanovic, proseguendoli alla «High School Slavenski» e, quindi, alla Facoltà di Arte Musicale a Belgrado, con Srdjan Tosic. Nel 2000 entra alla Musikhochschule di Colonia, con Hubert Käppel e Roberto Aussel. Sui laurea con lode e menzione speciale. Sempre con lode consegue il Master con Carlo Marchione al Conservatorio di Maastrich.
Krivokapic vanta un' ininterrotta carriera concertistica internazionale. Si esibisce come solista e con orchestra (Belgrado Philarmonic Orchestra, Slovak Chamber Orchestra e Montenegro Symphony Orchestra), in Montenegro e Slovacchia. Compie, con successo di pubblico e di critica, tournées solistiche in Italia, Spagna, Germania, Austria, Grecia, Olanda, e Turchia, Russia. In programma: F. Sor: Fantasia Op. 7; 3 Divertimenti Op 8; Variazioni Op9; F. Tarrega: 5 Miniature (Gran Vals, Marita-Mazurk, Lagrima-Preludio, Adelita, Recuerdos de Alhambra); M. Giuliani: Rossiniana n° 1.
Krivokapic presenta tre compositori, chitarristi protagonisti della storia della chitarra. Sor, nato a Barcellona nel 1178, autore del basilare «Méthode pur la guitare», che apre nuove strade per lo strumento. Giuliani, nato a Bisceglie nel 1781 e considerato il più grande musicista, per lo strumento, di tutti i tempi. Infine (sempre in ordine storico), il Tarrega, nato a Villareal, nel 1852.