Santa Margherita litiga sui parcheggi

Santa Margherita, 24 aprile: consiglio comunale dai toni accesi e sferzanti. L'ennesimo. Delle sette pratiche presentate dalla minoranza è stata discussa solo la prima: Borgo di Mare ha infatti ritirato le successive in segno di protesta verso la scelta di prevedere la seconda convocazione il 25 aprile.
Decurtata l'agenda, sul tappeto è rimasta la spinosa questione delle aree di sosta. Quanto bastava, quindi, per accendere gli animi dell'opposizione: Marco Marchi ha criticato la zonizzazione dei parcheggi riservati ai residenti, ad oggi suddivisi in quattro aree, definendola «decisione politica e non tecnica considerato che il codice della Strada non vieta il varo di una zona unica». Gli ha fatto eco Angelo Bottino, che ha puntato il dito contro l'aumento dei parcheggi a pagamento in Centro e rifiutato, in qualità di ex-sindaco, ogni addebito sull'adeguamento delle tariffe nella zona a mare a quelle praticate da Coopsette (2,50 l'ora, ndr) nei cinquanta stalli a raso di propria pertinenza. Il Sindaco Claudio Marsano, dal canto suo, ha annunciato l'introduzione di tessere mensili per la sosta dei residenti entro le strisce blu al prezzo di 36 euro e affermato di aver voluto «rispondere alla storica domanda di zone a sosta limitata compatibilmente al dovere di limitare l'inquinamento atmosferico e quindi l'utilizzo dei mezzi privati».