Santa Margherita perla da scoprire

L'impressione è che da qualche anno il turismo segni il passo... «Ma i dati in mio possesso dicono che nel 2006 abbiamo avuto un incremento del 6%!». A sfoggiare questo ottimismo è Giuseppe Pastine, assessore al Turismo di Santa Margherita Ligure, quella Santa Margherita che con la brochure la «Perla da scoprire» sbarcherà al Borsino Internazionale del Turismo, a Milano dal 22 al 25 febbraio. Dodici pagine in policromia che spaziano dalle attrattive del Borgo agli eventi, dalla gastronomia alle tradizioni, studiate per la più importante fiera dell'«accoglienza» italiana.
Pastine sfodera il «book» e sottolinea l'attenzione riservata alla Passeggiata della Cervara, «che permette di godere di uno spettacolo naturale tra i più suggestivi e preziosi della Riviera». Ma l'occhio balza subito al box riservato al «Parco del Flauto Magico», l'opera ideata da Luzzati e oggetto degli strali dell'opposizione, che lamenta il suo stato di abbandono. In attesa che sia creata una linea di gadgets ispirata alla favola di Wolfang Amadeus Mozart, la città potrà ancora contare sull'appeal del «Palco sul Mare», la rassegna di musica e cabaret organizzata con gli altri comuni del Tigullio. Resta la realtà del locale simbolo di Santa, il Covo di Nord Est, che anche la prossima estate resterà al palo. Poi il porto. Tra gli obiettivi quello di incrementare il turismo delle navi da crociera, nell'auspicio che gli avventori restino nel borgo e non optino per un pullman diretto all'Outlet di Serravalle.