Santa Margherita, il sindaco vieta il bagno in mare

Va bene che la stagione balneare è praticamente al termine, ma la notizia che viene da Santa Margherita Ligure non è di quelle che possono essere trattate con una scrollata di spalle. Anche perché molti appassionati di mare prediligono proprio questo periodo dell’anno per godersi bagni ed esplorazioni subacquee in splendida tranquillità. Dunque: il sindaco della perla del Tigullio, Roberto De Marchi, ha firmato ieri una serie di divieti di balneazione in zone dove l’Arpal, l’Agenzia regionale per l’ambiente, aveva segnalato un numero di colibatteri superiore al consentito. Di palese origine fecale. Il sindaco ha sottolineato come non vi siano collegamenti causa-effetto con i lavori alla linea ferroviaria all’interno della galleria Ruta tra Santa Margherita Ligure e Camogli. «I prelievi effettuati alla foce del torrente San Siro il 20 settembre dall’Arpal - si legge nella nota del Comune - non hanno evidenziato inquinamento, a conferma che il materiale di scavo nella galleria portato a mare dalle piogge è inerte». Il divieto di balneazione è esteso alla spiaggia delle Ghiaie e su tutto il fronte mare di Rapallo a partire da San Michele di Pagana. Si vedrà nei prossimi giorni, sulla base di ulteriori, approfonditi rilievi, se ci saranno le condizioni per revocare il divieto e restituire il mare del Tigullio agli appassionati del bagno fuori stagione.