Santa Rita, la condanna di Tettamanzi

Il cardinale Dionigi Tettamanzi è rimasto scosso dai fatti della Clinica Santa Rita. Ne parla ai Piani Resinelli, nel verde sopra Lecco, mentre tutto intorno giocano e schiamazzano gli ottanta chierichetti dell’oratorio estivo: «È incredibile ciò che è accaduto, soprattutto se si pensa che ci sono tanti medici bravi che fanno bene il loro lavoro». L’arcivescovo, assistente nazionale dell’Amci, l’Associazione nazionale medici cattolici, è esplicito: «Di fronte a situazioni così gravi e inquietanti la condanna del male non è solo possibile ma doverosa. L’importante è che la difficoltà del momento sia l’occasione per un sussulto di ripresa dell’onestà, della generosità, dello spirito di servizio». Scontro in aula, ieri a Palazzo Marino, per il mancato dibattito sul caso della clinica Santa Rita. La maggioranza ha giudicato la discussione «prematura».