Santanché denuncia: "Islam violento a Verona"

Roma - "Halima El Bourfai, l'immigrata marocchina che aveva denunciato l'imam di una moschea di Verona che istigava i fedeli a riempire di botte le proprie donne, è in ospedale con il corpo ricoperto da gravissime ustioni. È un fatto che ho appena saputo e che denuncio pubblicamente". Lo afferma Daniela Santanché, deputata di Alleanza nazionale. "La versione ufficiale - aggiunge - parla di un tentativo di suicidio provocato dalle continue aggressioni e intimidazioni che la donna subiva in seguito alla sua denuncia. Ma il terrore con cui Halima si rifiuta di rispondere a qualsiasi domanda, lascia intravedere l'ipotesi che possa essere stata vittima di un brutale regolamento di conti all'interno dell'integralista comunità islamica. Occorre che la magistratura intervenga per chiarire questo ennesimo episodio di sopruso verso le donne immigrate che tentano di ribellarsi ai califfati che si stanno insediando nelle nostre città".