«Sarà il Comitato dei saggi a guidare Fi»

Dopo un anno di doppio incarico (commissario romano e coordinatore regionale), Francesco Giro fa un passo indietro, rilanciando tuttavia il suo impegno per «aprire una nuova stagione costituente». «La prossima settimana - ha annunciato ieri il deputato di Forza Italia - proporrò al presidente Silvio Berlusconi una formula nuova e assolutamente inedita di guida del partito a Roma e nel Lazio. Un anno fa, quando mi venne affidato il coordinamento regionale del Lazio Berlusconi mi suggerì di farmi affiancare da un Comitato dei Saggi, otto persone in tutto, rappresentative di tutti gli eletti ai diversi livelli istituzionali, dall’europarlamento ai municipi. Il comitato ha lavorato molto bene e con dei risultati straordinari. Abbiamo riposizionato il partito al centro della politica dei nostri territori. Ora, dopo un anno di intenso impegno, è giunto il momento di aprire una nuova stagione costituente per costruire un partito nuovo, più radicato e aperto alla gente».
Da qui, conclude Giro, l’esigenza «di fare un passo indietro e di affidare la guida del partito nel Lazio al Comitato degli otto saggi che verrà presieduto a rotazione per un anno da uno dei componenti, in modo che non vi siano né strappi né traumi ma una continuità e una forte condivisione nelle scelte da assumere. Una formula che farà continuare a crescere il partito in una prospettiva diversa rispetto al passato, nell’ottica di una nuova Federazione, come ci chiede Berlusconi. Personalmente sono disponibile a continuare a dare il mio contributo a questo progetto, che in Forza Italia è originale e non è mai stato sperimentato nelle altre regioni».