Sarà lunga l’estate senza Mosca

E adesso come faremo senza le bombe di Mosca? Il calcio va in ferie portandosi via Guida al campionato di Italia 1 e le primizie di mercato dell’impareggiabile Maurizietto. Che nell’ultima puntata di domenica mattina si è immerso nel pentolone da dove spara le sue incredibili profezie con l’immancabile golf, un tempo giallo e ora verdolino, ma senza più sciarpa, ormai superflua con i trenta gradi milanesi. In compenso, al posto dei pantaloni indossava dei boxer rosa e più sotto un paio di pinne gialle. Il perfetto prototipo del giornalista buontempone. Buffo, sicuramente, ma riconosciamolo, di irresistibile simpatia.
Fingendo di pescare i pesci più ghiotti del mercato d’estate, Mosca ha concluso la stagione con queste tre prelibatezze: 1) Esposito dal Cagliari all’Inter, 2) Vieri alla Juve e Del Piero all’Inter, 3) Van Nistelrooy al Milan. Tanto per la cronaca, nelle puntate precedenti aveva mandato Chivu, Luizao e Casillas all’Inter (10 aprile); annunciando che «se Moggi arriva a Milano porta Baros, Samuel o Trezeguet» (17 aprile); «se il Milan non prende Gilardino, arriva Bobo Vieri» (24 aprile). Il primo maggio è dedicato alle panchine: «Palermo: Zaccheroni o Del Neri; Lazio: Trapattoni; Fiorentina: Trapattoni o Prandelli; Genoa: Ranieri; Roma: Cosmi; Juve, questa è la grande novità, Guidolin o Spalletti». La domenica successiva, 8 maggio, il vaticinio moschicida è: «Gilardino: tra Milan e Juve si è infilato il Barcellona. La Juve si è premunita e si è buttata su Eto con 18 milioni, mentre al Milan, se l’affare salta, andrà Toni o Baros». «Inzaghi sarà l’uomo che farà vincere il Milan a Istanbul» è il presagio extramercato in data 15 maggio di Mosca che assicura: «Ho incontrato Abramovich in un ristorante di Milano: offre cento milioni per Adriano e Sheva». Il 22 maggio ultimo valzer di allenatori: «Udinese: Di Canio o Zeman: Lazio: Trapattoni; Roma: Cosmi; Genoa: Del Neri; Torino: Terim; Napoli: Mazzarri; Palermo: Zeman o Zaccheroni; Fiorentina: Guidolin; Inter: Prandelli, se Mancini non fa la pace con Adriano». Chicca conclusiva: «Lite Emerson-Capello. Emerson ha già disdetto la casa alle Crocette di Torino: andrà al Real per sei anni a quattro milioni a stagione». Buone vacanze, Maurizietto.