Sarà il quartier generale della moda. Previste dieci torri. Tra le innovazioni: strade sotterranee, edifici ecologici e centri culturali Ecco come sarà la nuova «City» di Milano Venticinque architetti per il maxi-progetto che trasformerà il cuore del

Un’occasione storica per Milano: 350mila metri quadrati di nuove costruzioni nel centro della città. Una trasformazione urbanistica che coinvolge 25 architetti di 8 nazionalità diverse che hanno progettato il nuovo skyline. Unica la committenza: il gruppo Hines, Ligresti e Galotti, che ha impiegato circa tre anni per acquistare l’area Garibaldi - Repubblica - Varesine - Isola Lunetta dagli oltre venti diversi proprietari per un costo di 392 milioni di euro. Dai tetti delle 10 nuove torri si potrà quasi toccare la Madonnina - quella «Madonnina che si rimbocca la maniche come solo i milanesi sanno fare», come ha sottolineato recentemente il sindaco Moratti - all’ombra della quale sorgerà la nuova City che dovrebbe, questa la sfida, rilanciare l’economia e l’immagine di Milano alle soglie dell’Expo 2015.
«Il cuore pulsante della città si sviluppa sull’asse di via Manzoni - via Turati, via Pisani (...)