Sara ripercorre i suoi 70 anni Le nuove sfide da vincere

Cesare Gasparri Zezza

Era il 1946 quando, da un'intuizione del principe Filippo Caracciolo di Castagneto, nacque Sara assicurazioni (Società assicuratrice rischi automobilistici). Per il suo progetto Filippo Caracciolo trovò la piena collaborazione da parte di Reale Mutua e di Pier Carlo Romagnoli, che difese la compagnia da un'iniziale ostilità di Ania. Sara nacque all'indomani di una guerra che aveva lasciato imponenti rovine materiali e morali. I personaggi di quell'anno erano Vittorio Valletta, presidente e ad di Fiat; Enrico Piaggio, il papà della mitica Vespa; Umberto Finzi è stato il primo direttore generale di Sara. Il 29 agosto, a Napoli, la compagnia si impegnava a tutelare il proprietario di una Fiat 508, e per la prima volta anche con una clausola aggiuntiva a favore dell'assicurato. Era la prima polizza di Sara.

Nel 1977 Sara diventa azionista di controllo di Ala Assicurazioni, azienda leader nel ramo «tutela giudiziaria», specializzata nell'assistenza legale agli automobilisti. Quindi, nel 1980, modifica la ragione sociale in Sara Assicurazioni, Assicuratrice ufficiale di Aci. E arriviamo al 2003, quando Sara Assicurazioni arriva al 90% di Ala Assicurazioni e acquisisce, da Fineco Group, il 51% di Banca della Rete. Nello stesso anno gli automobilisti conoscono «Sarafree»: la prima polizza che collega ai chilometri effettivamente percorsi il premio pagato dall'assicurato.

«Il prossimo futuro - dichiara il presidente Rosario Alessi - sarà ancora più complesso per le assicurazioni: sono in fase di avanzata sperimentazione le auto a guida autonoma. Sarà importante esaminare nuovi problemi che riguardano la responsabilità di un incidente per queste auto e la convivenza con quelle tradizionali». Per il nuovo direttore generale Alberto Tosti «l'attenzione principale è rivolta allo sviluppo della rete agenziale, primario asset della compagnia, in abbinamento a importanti investimenti sull'innovazione che inesorabilmente sfida il mercato assicurativo».

Il contesto, insidiato da un'accesa competizione e da mercati finanziari volatili, richiede, secondo Tosti, «una dinamica capacità di intervento». In sintesi, «crescita e sviluppo sostenibile, assieme all'innovazione, rappresentano la missione della nuova gestione». Oggi, per festeggiare i 70 anni, Sara regala 70 giorni di Rca. Per i soci Aci, inoltre, viene riservata una nuova polizza («Sara check point») con il certificato di garanzia per la compravendita dell'usato tra privati.