Saras rialza la testa

Piazza Affari ha fatto ieri meglio delle altre Borse europee. Gli indici ufficiali si sono rafforzati dello 0,2%, ma AllStars e Techstars sono cresciuti rispettivamente dello 0,4 e 0,7%. I maggiori indicatori borsistici hanno fatto segnare nuovi record. Gli scambi, ingessati a poco più di 5 miliardi, confermano il consistente calo delle contrattazioni sui titoli guida, in corsa la scorsa settimana, come Alitalia e Fiat, con una diversificazione che ha riportato in primo piano le azioni energetiche, con Eni in crescita dell’1,1%, Erg dell’1,7%, Saipem del 2% e Saras del 4,3%. Bene anche le utility con Edison che guadagna l’1,4%. Irregolari i bancari, con Bpm in rialzo dell’1% e Unicredit dell’1,6%, mentre per gli assicurativi è ripreso l’interesse per Unipol (più 1,8%), dopo le presentazioni agli analisti finanziari di Londra e Milano. Penalizzate le società di calcio, con Juve e Roma che perdono oltre il 2%, mentre la Lazio arretra dell’1,5 per cento.