Sardegna, settantenne trova i ladri in casa Assassinata e bruciata

Maria Rosanna Carlus è stata uccisa la scorsa notte nella sua abitazione a Siliqua (Cagliari) e il suo corpo è stato dato alle fiamme: la donna, di notte, aveva sospreso un rapinatore in casa<br />

Cagliari - Un’anziana donna, Maria Rosanna Carlus, di 71 anni, è stata uccisa la scorsa notte nella sua abitazione a Siliqua (Cagliari) e il suo corpo è stato dato alle fiamme. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, la donna avrebbe sorpreso in casa uno o più rapinatori che l’avrebbero poi immobilizzata, picchiata, quindi uccisa e subito dopo il suo corpo è stato bruciato. Il fatto è avvenuto intorno alle quattro del mattino in una casa di via Amsicora, nel centro del paese.

Ha sopreso l'intruso La donna dormiva nella sua camera da letto, ma, forse insospettita da alcuni rumori, si è svegliata sorprendendo l’intruso, che, vedendosi scoperto, l’avrebbe immobilizzata, picchiata, quindi uccisa. Poi per cancellare tutte le tracce del delitto ha dato fuoco alla casa. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per ore prima di spegnere le fiamme. Maria Rosanna Campus viveva da sola.

L'incendio per cancellare tracce I carabinieri della Compagnia di Iglesias e Siliqua, coadiuvati dal Nucleo investigativo del Comando provinciale di Cagliari, che conducono le indagini, ipotizzano che il ladro, o i ladri, per cancellare le tracce abbiano il fuoco all’abitazione e a due autovetture parcheggiate nel garage della casa. A suffragare l’ipotesi un forte odore di benzina e le stanze messe a soqquadro. Il corpo della 71enne, ormai carbonizzato, è stato trovato in cucina. Sul posto operano anche i carabinieri del Ris di Cagliari e il medico legale.