Sardo disastroso Edusei inutile Stovini confuso

4 PANTANELLI. Una giornataccia: incassa sette gol, almeno in tre di questi ha grosse colpe personali. Non dà sicurezza, ma non la riceve dai compagni.
4,5 SARDO. Saltato come un birillo in allenamento da Perrotta sul primo eccezionale gol del centrocampista giallorosso, il difensore non si aspettava un rientro così disastroso.
4,5 SOTTIL. Anche il più navigato centrale dei siciliani naufraga in un pomeriggio nel quale i giocatori della Roma spuntano da tutte le parti.
4 STOVINI. In confusione totale: ingenuo sul gol di Panucci, superato agevolmente su quello di Perrotta, sfortunato sul rilancio che regala il gol anche a Totti.
5 VARGAS. Tenta un tiro dal limite che arriva vicino alla porta e scheggia la traversa su punizione. È il meno peggio in una partita da dimenticare.
4 BAIOCCO. Nervoso sin dall’inizio, finisce ingloriosamente una partita anonima. Meriterebbe il cambio già alla fine del primo tempo, visto che nella ripresa è ancora meno incisivo.
4 EDUSEI. Un altro «chi l’ha visto» della giornata. Prova almeno a fermare Perrotta in occasione del suo primo gol, ma non ci riesce.
4,5 CASERTA. Grandi promesse di un bel match alla vigilia, ma alla fine rimangono solo parole. Non un guizzo, non un’invenzione, troppo poco per uno dei protagonisti di questo inizio di stagione (dal 28’ ST LUCENTI SV. Ininfluente il suo ingresso).
4,5 COLUCCI. Marino lo conferma a sinistra nel tridente d’attacco, ma tra gli scarsi rifornimenti dei compagni e la sua poca vena non incide (dal 1’ ST BISO 5. Cerca di fare qualcosa di più dei compagni, ma non è aria. E a centrocampo la Roma stradomina).
5 CORONA. È suo l’unico tiro pericoloso della partita del Catania, un tiro sul quale Doni deve allungarsi. Poi viene abbandonato a se stesso e non ha un pallone giocabile (dal 36’ ST DEL CORE SV. Minuti inutili).
3 MASCARA. Inspiegabile la manata rifilata a Chivu, anche perché c’è un precedente di nemmeno un mese fa con il Torino. Se la partita precipita subito, è soprattutto colpa sua.
All. MARINO 4,5. È un allenatore emergente, ha mostrato finora un gioco spregiudicato, ma contro la Roma affonda anche per suoi demeriti.
ARBITRO GIRARDI 5,5. Sugli episodi chiave resta qualche dubbio anche se le espulsioni sono giuste, l’andamento lineare della partita lo aiuta molto.