«Saremo la capitale del web senza fili»

Entro il 2015 la più grande copertura wireless del mondo

Trasformare la città nella capitale mondiale della connettività. È l’obiettivo del progetto «Milano wireless - Una rete internet senza fili per la città di Milano», presentato ieri dai gruppi consiliari del centrosinistra alla presenza, tra gli altri, dell’assessore all’Innovazione Luigi Rossi Bernardi, che ha assicurato il consenso del sindaco.
Elaborata con un gruppo di docenti universitari ed esperti qualificati del settore, la proposta è quella di creare entro il 2009 una rete internet di banda larga e senza fili accessibile da 4mila luoghi all’aperto. La connettività sarebbe garantita da piccole antenne trasmettitrici del segnale via radio installate su semafori e lampioni collocati in 700 incroci, 300 scuole e università, 140 centri sportivi, 30 biblioteche, 80 centri per anziani, 100 siti di interesse turistico, 50 giardini pubblici e parchi e presso le fermate dei mezzi di superficie e della metropolitana. Il progetto garantirebbe una banda ad alta velocità grazie al collegamento con la fibra ottica di Metroweb, che oggi copre il 95% del territorio, un’infrastruttura cui il comune avrà accesso gratuitamente per dieci anni.
Attuata questa prima fase, che richiederebbe un investimento tra i 15 e i 17 milioni di euro, Milano diventerebbe la città italiana con la maggiore copertura wireless. L’obiettivo finale sarebbe però quello di raggiungere, entro il 2015, una copertura totale con 15mila punti di accesso libero, superando così il primato mondiale detenuto da Seul.
L’intento è quello di promuovere l’utilizzo di internet e della tecnologia come chiave fondamentale dello sviluppo della città. La realizzazione di una rete WiFi così diffusa ed evoluta consentirebbe infatti la nascita di nuovi servizi e imprese nel campo dell’informatica, oltre a sostenere la candidatura di Milano all’Expo 2015.
Per avviare subito il progetto di fattibilità, la prossima settimana il centrosinistra presenterà un emendamento al bilancio 2007 per alcune centinaia di euro.