Sarfatti patto di ferro con Rosy

Sarfatti tifa Rosy Bindi e i tifosi di Rosy Bindi ringraziano promettendo sostegno a Sarfatti. Si anima la campagna elettorale per la segreteria del partito democratico in Lombardia. Nando Dalla Chiesa, Gregorio Gitti, Gad Lerner, Daniela Mazzuconi, Franco Monaco e Roberto Zaccaria, sostenitori del ministro delle Politiche per la famiglia alla segreteria nazionale del Pd, spingono Sarfatti ad accettare la sfida per diventare segretario lombardo. I vertici dei partiti avrebbero voluto un uomo solo in corsa, Maurizio Martina, al momento alla guida dei Ds lombardi. Ma la movimentista Associazione per il Partito democratico, che conta duemila iscritti collezionati in un anno e mezzo di attività, si è riunita in assemblea e ha chiesto a Sarfatti di candidarsi. Le firme necessarie, millecinquecento, sono state già raccolte e il portavoce dell’Unione al Pirellone ha dato la disponibilità: «Non è da Partito democratico avere un candidato solo. Vogliamo un partito non leaderista, altrimenti si diventa una copia di Forza Italia».
Sarfatti voterà Bindi contro Veltroni e assicura che la gran parte della sua Associazione la pensa come lui, anche se i dissensi interni hanno consigliato di dare libertà di voto agli iscritti. L’alleanza è nei fatti.