«Sarkò non si ricandiderà alle elezioni»

Per la prima volta prende forma, nelle parole di un possibile concorrente all’Eliseo, il socialista Francois Hollande, l’ipotesi che Nicolas Sarkozy possa decidere di non ripresentarsi alle presidenziali della primavera prossima. Al posto del presidente, nella destra starebbe scaldando i motori Alain Juppè, attuale ministro degli Esteri. In corsa alle primarie che cominceranno domenica prossima con il primo turno, il grande favorito socialista Hollande ha riferito ieri durante un dibattito che «ci sono voci he lasciano intendere che il candidato potrebbe non essere Nicolas Sarkozy». Subito dopo, Hollande ha precisato che «la cosa più probabile è che sia lui, Sarkozy. Prima o poi, a destra ci saranno delle turbolenze, anche se per ora tutto è piuttosto ovattato. Ma visto che questa ipotesi è sul tappeto - ha osservato Hollande - se sarò scelto come candidato, farò la stessa campagna qualsiasi sia il candidato di destra che mi sarà di fronte».
Sarkozy sarebbe spinto alla rinuncia dai sondaggi sempre più negativi. Nell’ultimo, una ricerca Ifop per il giornale Sud Ouest Dimanche, soltanto il 23% dei francesi auspica che sia lui il candidato della destra. E in tutti i casi ipotizzati, verrebbe ampiamente battuto dall’avversario della gauche.
Giovedì, Juppè ha assicurato che sosterrà «senza ambiguità» nella riconferma all’Eliseo Sarkozy, aggiungendo però una frase ambigua: «Certo, se si candiderà...».