A Saviano il premio «Edoardo Kihlgren»

Un premio milanese per Roberto Saviano, lo scrittore napoletano che vive sotto scorta dopo il successo di «Gomorra», il suo libro anticamorra. L’autore napoletano è il vincitore del premio letterario «Edoardo Kihlgren opera prima», destinato ad autori under 35. Un riconoscimento ch’era stato ideato otto anni fa dall’associazione «Amici di Edoardo onlus». La premiazione si è tenuta ieri sera presso il centro Barriòs alla Barona di Don Gino Rigoldi ma il giovane scrittore non era presente per motivi di sicurezza. La giuria del premio, composta da personalità del mondo della cultura, ha selezionato quest’anno tre finalisti: oltre a Roberto Saviano con Gomorra, Morten Ramsland con Testa di cane e Helene Grimaud, autrice di Variazioni selvagge. «Tra le tante iniziative organizzate, questo premio - ha commentato Giovanni Terzi, assessore allo Sport e tempo libero del Comune di Milano che ha dato il patrocinio all’evento - rappresenta un’importante occasione formativa per i giovani scrittori impegnati nel proprio percorso. Un riconoscimento che, oltre alla consacrazione professionale, trae valore aggiunto dal costante lavoro di chi, con passione e dedizione lo conferisce».