Sbarca Tuttofood la prima fiera dell’arte culinaria

Avrà cadenza biennale. È dedicata agli operatori di un comparto che l’anno scorso ha fatturato 107 miliardi di euro

Giorgio Scaglia

Il mondo del cibo sbarca a Milano per colmare una lacuna: in Italia, terra di grandi vini e di grande gastronomia, mancava infatti un’esposizione di livello internazionale rivolta al settore alimentare. Così Fiera Milano con la collaborazione di Sifa, ha creato Tuttofood, la prima grande e completa manifestazione professionale dedicata agli operatori di questo importantissimo comparto, che l’anno scorso ha fatturato nel nostro paese 107 miliardi di euro. Presentato ieri con grande anticipo, l’evento si terrà nel nuovo polo fieristico dal 5 all’8 maggio del 2007 e avrà cadenza biennale. Sarà il palcoscenico del mondo dell'alimentare, un palcoscenico che vedrà protagonista non solo la produzione nazionale, ma anche la migliore offerta internazionale, rappresentata da espositori provenienti da tutto il mondo.
«Tuttofood - osserva l'amministratore delegato di Fiera Milano Spa, Piergiacomo Ferrari - colma un vuoto. In Italia non mancano infatti valide manifestazioni espositive rivolte a questo comparto. Ma nessuna ha le caratteristiche di completezza, di internazionalità e di dimensioni necessarie per qualificarsi come concorrente dei colossi fieristici europei e rappresentare per l'alimentare italiano uno strumento di visibilità e business all'altezza della sua importanza». Aziende, consorzi, importatori, buyer della grande distribuzione e vendita al dettaglio troveranno dunque in Tuttofood un appuntamento fieristico in grado di rappresentare in modo completo e professionale la migliore offerta alimentare italiana e internazionale. La manifestazione sarà suddivisa per aree di prodotto, allo scopo di agevolare la visita, e proporrà una gamma merceologica completa, dalle conserve alla carne, dai prodotti ittici al pane, dall’aceto al caffè fino ai cereali, attenta non solo all'offerta più tradizionale ma anche alle tendenze emergenti dei consumi e ai nuovi segmenti del mercato, come quelli dei prodotti salutistici, dei piatti pronti, delle delicatessen e dell'etnico. In un unico grande salone gli addetti ai lavori troveranno così una risposta esauriente a tutte le loro esigenze. I buyers presenti in mostra avranno a loro disposizione un'area riservata. In questo Buyers Club gli operatori potranno usufruire dei servizi di un Business center, di un'ampia area di ristoro, di uno spazio lounge e di postazioni operative complete di connessione internet.