Alla sbarra 29 no global per l’assalto al cinema

da Bologna

È cominciata con l’audizione di tre testimoni dell’accusa il processo ai 29 attivisti no global finiti alla sbarra per non aver pagato il biglietto del cinema Capitol di Bologna la sera del 27 ottobre 2004. A tutti il pm della Procura felsinea Paolo Giovagnoli aveva contestato i reati di violenza privata, minacce, turbativa nel possesso e molestie agli spettatori con l’aggravante dell’eversione dell’ordine democratico. Non è la prima volta che la Procura felsinea contesta l’aggravante dell’eversione ai militanti no global e in almeno quattro circostanze i pm hanno ricevuto sonore bocciature dai giudici di volta in volta chiamati a vagliare la fondatezza di tale aggravante.