Lo sbirro acchiappamafiosi

È il poliziotto barba incolta e sigaro in bocca. Con le sciarpe dà ultrà sullo scaffale dell’ufficio, quella della Juventus rigorosamente adagiata sopra, quanto basta per far spuntare i ciuffi rosanero del Palermo. Fa un po’ Tomas Milian chic. Ma i suoi film sono veri. Come i cazzotti volati quando è uscito da una villetta di Cannatello con Giovanni Brusca sottobraccio. Claudio Sanfilippo non è un poliziotti di quelli che sanno fare tutto. Lui da 17 anni fa solo squadra mobile. Prima a Palermo e poi a Genova. Ma solo squadra mobile. Il fatto è che con Brusca si è portato in cella anche Carlo Greco, Giuseppe La Mattina e Francesco Tagliavia, condannati per la strage di Giovanni Falcone e della sua scorta, poi Pietro Aglieri, protagonista dell’omicidio di Paolo Borsellino, o Emanuele Grigoli, il killer di padre Vitale Puglisi. (...)