Sbloccate le quote di Danilo Coppola

I pubblici ministeri di Milano hanno dato il via libera allo sblocco del pacchetto di azioni Antonveneta detenute da Danilo Coppola, indagato nell'inchiesta sulla scalata di Banca Popolare italiana alla banca padovana. I magistrati hanno dato mandato al custode giudiziario Emanuele Rimini di vendere sul mercato dei blocchi di Borsa le azioni di Antonveneta detenute da Finpaco e Tikal, due tra le holding dell’immobiliarista romano. Da tale vendita è atteso un ricavato di oltre 106 milioni di euro, circa 80 dei quali verranno versati a Deutsche Bank, in quanto creditore pignoratizio. In base agli accordi raggiunti con gli inquirenti le plusvalenze attese, che dovrebbero attestarsi intorno ai 26 milioni di euro verranno invece versate su un conto intestato alla procura, presso la filiale Bnl al Palazzo di giustizia di Milano. L'operazione dovrebbe concludersi dopodomani.Sotto sequestro ci sono ancora le quote che fanno capo a Stefano Ricucci che dovranno essere sbloccate entro il 31 marzo, data di chiusura dell’offerta pubblica di acquisto di Abn Amro.