Scajola: «A Novi un trattamento miserabile»

«Una telenovela: la scelta sul porto ha scatenato uno scontro fra il sindaco e il presidente della Regione, fra i ministri Bianchi e Di Pietro - spiega Claudio Scajola - Un fatto di portata nazionale ed europea è stato gestito come una guerra interna alla sinistra genovese. In lizza c’erano tre iscritti al Pd, non vorrei che la lotizzazione selvaggia proseguisse con le cariche operative del porto...».
Al presidente del Copaco, ieri a Genova per la riunione del coordinamento regionale di Forza Italia, non è piaciuto un altro fatto: «Giovanni Novi, presidente uscente, ha ricevuto un trattamento miserabile. Gli è stato dato il benservito senza un pubblico riconoscimento del suo lavoro. Poi l’inchiesta sul Multipurpose, annunciata prima dalla stampa. Un galantuomo non si tratta così». La partita per il suo successore, però, non è chiusa. La scelta di Merlo, una volta ratificata dal consiglio dei ministri, sarà votata nelle commissioni parlamentari. Il centrodestra promette battaglia, consapevole che stallo aumenterà la tensione Vincenzi-Burlando e che il governo (cui spetta la nomina) rimane traballante. A sinistra c’è chi parla di ricorsi. «Noi non lo faremo - precisa Scajola - Non abbiamo nulla di personale contro Merlo, contestiamo il metodo».
Al vertice di Forza Italia si è discusso anche di rifiuti. «La Regione dia subito il via libera agli inceneritori, altrimenti fra due anni saremo come Napoli» dice Scajola. Definisce «irresponsabile» il sì di Burlando ad accogliere i rifiuti campani. «Andranno in discariche a cielo aperto quali complete. La popolarità di Burlando è crollerà ulteriormente».
Parlamentari liguri, sindaci e consiglieri azzurri hanno sollevato la questione del nuovo Partito della libertà e dei rapporti nel centrodestra. In molti, fra cui il capogruppo in Regione Luigi Morgillo, hanno chiesto di fissare una strategia chiara. Nel 2008 si vota a Sestri Levante, Camogli e Portovenere, nel 2009 per la Provincia di Savona. «Quale simbolo ci sarà sulla scheda? A marzo definiremo le strategie - spiega Scajola- Chi ha dato la pre-adesione al nuovo partito sappia che stiamo lavorando per costruirlo». Al vertice di ieri, aggiunge Michele Scandroglio, coordinatore regionale degli azzurri, si è deciso anche di riproporre, con i partiti del centrodestra, una seconda raccolta di firme contro la legge regionale sugli immigrati «che dà più diritti ai clandestini che ai liguri». «Il simbolo alle amministrative? A Sestri Levante è più probabile ci sia quello di Forza Italia - conclude Scandroglio - Manca poco ormai».