La Scala chiude le porte a Penati

Giannino della Frattina

Via libera alla Camera di commercio. Semaforo se non rosso almeno arancione per la Provincia. Assemblea dei soci e consiglio di amministrazione della Fondazione Scala ieri pomeriggio nella sede naturale del Piermarini. Nessuna dichiarazione di Gabriele Albertini, presidente della Fondazione, all’uscita in piazza Scala, parla il vice Bruno Ermolli. Conferma l’approvazione delle modifiche allo statuto messe in discussione e, per quanto riguarda Palazzo Isimbardi, lascia aperto forse qualcosa più di uno spiraglio. «L’intento è quello di includere, non di escludere - sono state le sue parole -, la Provincia si allinei al dettato della legge e sarà la benvenuta». Nessuno sconto, dunque, sui quasi undici milioni di euro da versare per sedere al tavolo nobile della Fondazione.
Il pomeriggio comincia con l’assemblea dei soci che esprime parere favorevole all’allargamento da sette a nove membri del consiglio di amministrazione. Istanza accolta dal cda convocato subito dopo. (...)