Scalatori under quattordici

Una parete di quattro metri di lunghezza e due metri di altezza e un totale di novantasei prese di arrampicata: sono questi i numeri del «Digiwall - La parete digitale». È il nuovo gioco appena sbarcato a «La città dei bambini e dei ragazzi», dedicato a chi ha tra i 6 e i 14 anni, che abbina le caratteristiche di una parete d'arrampicata e la tecnologia dei giochi di computer, per mettere alla prova tutti i sensi. Un muro computerizzato insomma da affrontare come veri scalatori: si imposta uno dei possibili giochi, le luci guidano le vie da seguire, i suoni e la musica creano l'atmosfera mentre il muro risponde alle azioni di chi lo scala.
«Giochi, gare, sfide e vari tipi di esperienze creative sono possibili con la parete di arrampicata - spiega Carla Sibilla, direttore generale di Costa Edutainment, la società che gestisce la struttura -. Questi giochi stimolano l'attività fisica e la velocità. Tutto è progettato per impiegare in modo equilibrato i sensi e la capacità; vista, udito, forza, equilibrio sono infatti i principali ingredienti dell'esperienza proposta dal muro digitale. Oltre all'attività fisica, i giochi accentuano il controllo del proprio corpo, la flessibilità e la tattica, liberi di circolare lungo tutto il muro».
L'inserimento del Digiwall - realizzato grazie anche al contributo del Rotary International, Distretto 2030 Italia, nell'anno rotariano 2007-2008 -, rientra in un ampio progetto di ristrutturazione de «La città dei bambini e dei ragazzi», condiviso da Porto Antico e Costa Edutainment spa. Il piano, per il quale la stessa Porto Antico investirà 500mila euro nei prossimi cinque anni, oltre al restyling della struttura, prevede opere di miglioramento delle aree servizi e l'inserimento di nuovi giochi in linea con gli interessi e le nuove esigenze dei ragazzi. «A distanza di undici anni, c'è bisogno di rinnovamento attraverso nuovi giochi e servizi e veste grafica» conclude il responsabile degli Affari generali della Porto Antico.