Gli scali liguri con il certificato di qualità Iso

Risparmio di energia e acqua, riduzione dei rischi di incidenti ambientali, accesso privilegiato a finanziamenti pubblici, premi assicurativi. Sono alcuni dei vantaggi che i porti liguri di Genova, La Spezia e Savona potranno presto ottenere grazie alla certificazione ambientale Iso 14001, ricevuta ieri dal Rina. È la prima volta in Italia che viene certificato un sistema di porti di simili dimensioni, ai primi posti per traffici di passeggeri e merci, e con una così marcata valenza strategica. La regia del progetto è stata curata dalla Regione che da oltre un anno è impegnata a far crescere gli scali come un unico soggetto in grado di presentarsi con una offerta di prima qualità. Il prossimo obiettivo è estendere la certificazione ambientale agli operatori portuali che ancora non l'hanno ottenuta. «La certificazione - ha spiegato l'assessore regionale alle Infrastrutture, Luigi Merlo - è il segno di come il sistema portuale ligure sia sempre più concepito come un unicum. Questo ci ha consentito di approvare in tempi brevi il piano regolatore del porto di Genova e di Savona e ci consentirà di approvare entro l'estate il piano regolatore di La Spezia».