Scambio di beni e immobili tra il Comune e il demanio

È stata approvata ieri dalla giunta comunale una delibera che prevede un cambio di beni immobili e terreni tra il Campidoglio e il demanio statale. Nelle prossime settimane verrà aperto un tavolo tecnico che avrà il compito di quantificare l’entità precisa dei beni, immobili e terreni che il Comune cederà allo Stato e di quelli che riceverà in cambio. Tutto verrà stimato e valutato a prezzi di mercato. Il Campidoglio darà alcune caserme dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine attualmente in suo possesso e diverrà proprietario, dell’ex Manifattura Tabacchi, del Forte Prenestino, dell’ex Forte Bravetta, dell’aeroidroscalo di Ostia e di alcuni terreni demaniali a Castel Fusano. Per quanto riguarda Forte Bravetta, già in diverse occasioni il sindaco Alemanno ha spiegato di volerlo utilizzare come sede del «Museo della Memoria», mentre una parte del Forte Prenestino è attualmente occupata da un centro sociale.
«Per alcuni di questi immobili penso a una possibilità di reimpiego per la realizzazione di centri di permanenza temporanea, il superamento dei residence per l’emergenza abitativa», ha spiegato l’assessore alla Casa del Comune, Alfredo Antoniozzi. «Per quanto riguarda l’ex Manifattura Tabacchi - ha proseguito - potrà tornare utile per la realizzazione di parte degli uffici del cosiddetto Campidoglio 2».