Lo scambio dei libri e delle rose nelle vie di Brera

Oggi e domani incontri con autori. Al Giamaica nel pomeriggio Appiano, Livi, Festa e Corva

Francesca Amè

L’Unesco ha dichiarato il 23 aprile Giornata Mondiale del Libro al motto di «Un libro accessibile a tutti, ovunque». Milano, capitale italiana dell'editoria, ha raccolto l'invito e organizza un fine settimana che piacerà agli amanti delle storie su carta.
Da questo pomeriggio sino a domani sera Brera si fa bella a suon di libri e di rose. «San Giorgio, la festa dei libri e delle rose», promossa da Telecom Progetto Italia da un'idea di Ludovica Amat, quest'anno lascia via Dante per raccogliersi nei vicoli del quartiere degli artisti: qui, tra via Fiori Chiari, piazza Formentini e via San Carpoforo, si ripeterà un rito catalano che si celebra a Barcellona da settant'anni. La tradizione vuole che gli uomini regalino un fiore alle donne e che queste ricambino non con un bacio, ma con un libro. Le milanesi appassionate di libri nuovi e di seconda mano potranno attingere alle tante bancarelle che occuperanno il quartiere, i signori dall'animo gentile troveranno fiori ad ogni angolo nei chioschi predisposti. Milano sfida Barcellona e propone un ricco calendario di incontri con gli autori che si terranno al Bar Giamaica, il ritrovo preferito dei bohemien (dalle 15.30 alle 19, oggi e domani). Spiccano le donne: tra libri e rose troveremo Alessandra Appiano, firma di punta della «chick lit» in salsa italiana, Grazia Livi, l'ironica Lisa Festa con il suo «Sì, no, Miami» (Mondadori). E poi ancora Lisa Corva con «Confessioni di un'aspirante madre» (Sonzogno), che da giorni dà appuntamento alle sue lettrici nel suo cliccatissimo blog, e Valeria Palumbo che promette di bacchettare il sesso maschile narrando stralci del suo «La perfidia delle donne» (Sonzogno). Ma questa è anche la festa della seduzione - chi gioca con le parole deve saper ammaliare il suo pubblico - e lo spazio Beccaria (in via San Carpoforo 9) ospiterà una serie di personaggi del mondo della cultura a discutere sul tema «La seduzione secondo me» (dalle 15.30, oggi e domani): presenti tra gli altri Raffaele Morelli, Renato Mannheimer, Salvatore Carrubba, Giulio Giorello. Spazio anche ai dotti: per i cultori dell'ermeneutica lo studioso Haim Baharier proporrà una riflessione sulla dimensione erotica del pensiero ebraico a partire dall'alfabeto.Ancora i libri protagonisti di un'altra iniziativa domenicale, quella dello «scambio di copia» organizzato dalla Fnac. I volumi usati consegnati in libreria dai clienti durante il mese di marzo (in cambio di un buono acquisto) saranno rimessi in circolazione attraverso un grande book-crossing. La maratona parte domani alle 12 alla Fnac di via Torino poi si sposta in Sormani (alle 15) e in palazzina liberty (alle 19) per chiudersi con un concerto allo spazio Goganga (ore 21). Tra gli scrittori che aderiscono al progetto: i milanesi d'adozione Raul Montanari, Tiziano Scarpa, Aldo Nove e Stefano Massaron.