Scampato a Nassirya, ucciso dai talebani

Un nuovo agguato e nuove vittime italiane in Afghanistan. Il maresciallo Giovanni Pezzulo, del Cimic Group South, è stato ucciso e il maresciallo Enrico Mercuri, del reggimento alpini paracadutisti, è rimasto ferito a una gamba mentre stavano svolgendo una missione umanitaria a 60 chilometri da Kabul. L’agguato è stato rivendicato dai talebani. Pezzulo aveva partecipato alla missione in Irak e nel 2003 era scampato alla strage di Nassirya. E sulla missione afghana il governo Prodi va in tilt con la sinistra che reclama ancora il ritiro.