Scandalo a Parigi per il leader socialista in Porsche

Dominique Strauss-Kahn è il più gettonato nella corsa per l'Eliseo del 2012. Ma un'immagine poco «operaia» rischia di danneggiarlo

Accusato di far parte della «gauche caviar», la sinistra radical-chic parigina, ricchissima seppur socialista, Dominique Strauss-Kahn, direttore del Fondo monetario internazionale e papabile candidato socialista alle presidenziali del 2012, finisce nella bufera per una foto pubblicata sulle pagine del Parisien. O meglio per una foto che lo ritrae in Porsche. Il socialista è stato pizzicato il 28 aprile mentre sale a bordo della lussuosa automobile, di proprietà di un collabaratore (che è presente) insieme alla moglie, Anne Sinclair. L'auto è parcheggiata davanti alla loro casa nella centralissima place des Vosges.
Insomma la coppia sale a bordo di un'auto che non è loro, ma molti francesi non hanno gradito e vedono in quell'immagine il netto contrasto con quell'ideale del socialista vicino agli operai e al popolo al quale gli elettori transalpini sono affezionati, a dispetto dei tempi che cambiano. A soccorso Strauss-Kahn oggi si è levata la voce di un suo fedele, Pierre Moscovici, che appella il PS a «fare attenzione ad ogni immagine che si da di sé durante la campagna elettorale».
Per Moscovici comunque non è certo la destra a poter «dare lezioni» in materia. Proprio il presidente Nicolas Sarkozy scatenò polemiche quando nel 2007 festeggiò la vittoria elettorale sugli Champs-Elysees, nel lussuoso ristorante Fouquet's, e poi partì in vacanza sullo yacht dell'amico miliardario Vincent Bollorè.