Scandalo in Versilia per un manifesto: ci sono la Madonna e un bimbo-Hitler

Un bambino con la faccia di Hitler abbracciato da una donna, che rappresenta la Madonna. È l’immagine scelta per il manifesto che pubblicizza la mostra "Zeitgeist", a Pietrasanta, e scoppia la polemica

Lucca - Un bambino con la faccia di Hitler abbracciato da una donna, che rappresenta la Madonna. È l’immagine scelta per il manifesto che pubblicizza la mostra ’Zeitgeist’, del pittore Giuseppe Veneziano, dal 17 luglio a Pietrasanta (Lucca), in Versilia. L’icona ha suscitato le polemiche del parroco, don Stefano D’Atri, e di alcune associazioni combattentistiche partigiane. Il sindaco, Domenico Lombardi (Pd), ammette: "Mi prendo tutte le responsabilità per aver dato l’ok a quella immagine. Ma non l’avevo vista prima, altrimenti forse ne avrei scelta un’altra". Il quadro scelto per i manifesti dell’esposizione è la ’Madonna del Terzo Reich’, dove sono raffigurati una donna e un bambino con tratti hitleriani: i baffetti e la fascia rossa con la svastica nera su cerchio bianco al braccio. Un’opera già al centro di polemiche quando fu presentata all’Art Verona 2009.

Il sindaco si difende Il primo cittadino chiarisce che la scelta di invitare Veneziano a Pietrasanta non è stata della sua amministrazione ma della precedente giunta, guidata da Massimo Mallegni (Pdl). "Me ne prendo comunque tutte le responsabilità - dichiara spiega Lombardi - e chiedo scusa se questo quadro offende la sensibilità degli esponenti religiosi o dei partigiani. Credo però che Pietrasanta da sempre si contraddistingue nel panorama artistico perchè preferisce il confronto alla censura".

L'autore cita Alda Merini L’autore dell’opera, Giuseppe Veneziano, citando Alda Merini, replica così alla polemiche: "La cosa meno scandalosa nella vita è lo scandalo. Sulla provocazione la questione è più complessa. Se l’arte non provoca, allora cosa deve fare?". La mostra, a Palazzo Panichi, rimarrà aperta fino al 22 agosto.